TERRITORIO E STRATEGIE

Dal 15 gennaio al 18 maggio del 1944 gli Alleati affrontarono i tedeschi per la conquista di Cassino e dell’Abbazia, operazioni militari note come le quattro battaglie di Cassino. L’accanita resistenza opposta dai tedeschi a Cassino, richiamò l’attenzione di tutto il mondo. La strategia e le tattiche militari adottate dai due eserciti avversari sono ancora oggi studiate nelle Accademie militari.

Nella sala cinque mappe riassumono la campagna d’Italia e le quattro battaglie di Cassino. Al centro, un plastico della regione evidenzia la posizione di ogni villaggio coinvolto nell’ambientazione. Il plastico diventa per il pubblico una grande mappa che attraverso animazioni e proiezioni  racconterà dal vivo le quattro battaglie di cassino. 

Di fronte, un diorama militare ricostruisce la sanguinosa traversata del fiume Rapido da parte della 34a Divisione Texas. Uno pannello è dedicato al “Primo Raggruppamento Motorizzato”, la prima grande unità organizzata dall’Esercito Italiano che iniziò a combattere a fianco degli Alleati e che rappresenta l’inizio della rinascita dell’Esercito Italiano. La visita si conclude con un’immagine simbolica che raffigura tre soldati con un commento sulla Seconda Guerra Mondiale.
Testo — “così il mondo intero è dovuto intervenire per ripristinare la libertà e lo stato di diritto”.

REGION AND STRATEGIES

Five maps summarise the Italian campaign and the four battles in Cassino, explaining their specificities.In the centre, a plastic model of the region highlights the position of every village involved in the setting. Opposite, a military diorama reconstructs the bloody crossing of the River Rapido by the 34th Texas Division. A space is dedicated to “Primo Raggruppamento Motorizzato”, the first great unit organized by the Italian Army which started fighting alongside the Allies and which represents the beginning of the rebirth of the Italian Army. The visit ends with a symbolic picture showing three soldiers with a comment on World War II.
Text — “so the whole World had to intervene in order to restore freedom and the rule of law”.

Skip to content